Paleocontatti

Sono le colline a generare fiumi, o i fiumi a generare colline? 

Ricevo paleocontatti con le mani mozzate,  dentro una melodia di fischi che prima dell’alba mi inquieta.

Temporeggio con gesti retorici, fuori, fuggo da una consistenza stantia che impregna la casa. Stesso odore, stessa luce, causa di un guasto temporale appeso a questo grumo di giorni dell’anno. Come se il clima fosse in grado di sorbire l’urto di una tragedia, e poi rilasciarlo, quando l’asse terrestre ritrova quella stessa pendenza. Memoria olfattiva di Maggio: è sofferenza.

Tanto non sarà più casa mia, mi rincuoro. Rancido profumo di nausea. La mia esistenza non è radicata alla mura di qualcosa che non ho e che non avrò mai. Investire è tacita illusione.

Spesso vago in vani automatismi del fare. Tesa a necessità essenziali, poco complesse. Mi inselvatichiscono: è un avvicinarsi ad una condizione più autentica, più aerea. Guardo con sospetto chiunque e qualunque cosa dalla fessura del mio occhio rettile, pronta a fuggire al primo movimento.

Il sogno: una fuga dalla nausea del sentire reale. Oppure il reale: una fuga dalla nausea sottile del sogno.


Scusate la lunga assenza.


 Racconti della Controra è disponibile su:

 IBS    ||  FELTRINELLI  || AMAZON

24 risposte a “Paleocontatti

  1. Sono contento del tuo rientro. Troverai novità su Piazzagrandeblog: una nuova pagina dedicata alla poesia e ancora recensioni.

  2. A Rebecca, agli amici che la seguono, a me stesso:
    A noi umani piace giocare con noi stessi e con ciò che rappresentiamo: la consapevolezza della nostra caducità; del nostro fluire ininterrotto nel tempo, tra un inizio e una fine. E a tale certezza ognuno si oppone e intraprende una sua originale, unica battaglia che, nonostante sia illusoria, concede momenti di gioia, di felicità perfino. Ma poiché dentro di noi cogliamo l’eternità insieme alla finitudine, il nostro destino varia dall’inquietudine alla malinconia; dall’euforia alla sofferenza; dalla gratificazione della ricerca alla disillusione.
    Tentiamo strade nuove unicamente per sfuggire alla morte e tale impegno aumenta proporzionalmente al personale grado di egocentrismo. La “mia” bellezza, la “mia” preparazione, la “mia” capacità creativa sono armi spuntate per tentare di sconfiggere il tempo o di rimandare l’ultimo miglio.

  3. L’assenza è perdonata perché questo piccolo poema è un gioiello, valeva la pena aspettare. E ci smuovi dentro, ci fai sentire le ferite e il sale. Non dev’essere stato facile, grazie, Rebecca.
    Lucio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...