L’arnia gigantesca del

Dunque mi è caduto il libro là dentro. Ma il suo volo mi ha lasciato un lieve desiderio di precipitare al contrario dentro l’infinito, cosa che, in verità, mi è successa davvero, o quasi, l’8 Agosto 2017.

8 Agosto 2017. Dormo profondamente. Ecco che compare, credo, un luogo. Le pareti che lo delimitano sono lontane, centinaia di pareti che definiscono una geometria inconcepibile; quando voglio raggiungerne una quella diventa immediatamente vicina. Non saprei dire chi si muove per prima. L’aria intorno è una foschia luminosa, a tratti grigia, come minacciata da lontani temporali di grafite.

Sono consapevole che questo è il luogo in cui è possibile rifugiarsi per risolvere un problema, un dubbio o semplicemente per riflettere in modo profondo. Non è raro infatti trovare qualcuno ritto in piedi nella nebbia, immobile come una statua, ad occhi spalancati. 

Qua gli uomini entrano in una meditazione profondissima. Talvolta a coppie, uno di fronte all’altro, per discutere a lungo senza parole.

Questo spazio non è reale perché vi si accede solo attraverso la dimensione del sogno. Ed io ne sono consapevole: sono qui perché sto sognando, dentro ad un sogno.

Cammino adagio fino a raggiungere una parete che appare bucata, una finestra buia? No, un quadro. Forse.

Il soggetto è rettangolare, logorato, come una porzione di cielo grigio. 

Accosto gli occhi alla tela e le pupille si dilatano. I contorni dello spazio si sfaldano, la ghiera del fuoco sugli occhi è frantumata.

La schiuma dell’aria mi sembra vibrare, tutto il mondo onirico trasalisce e quel brivido è un rumore solido dentro alle mie orecchie: adesso mi fa pensare ad una fusione casuale tra un phon e un aspirapolvere atterrati su Nettuno.

Vengo trascinata lentamente, o forse la parete e il quadro si avvicinano, comincio a penetrare le fibre incartapecorite dell’infinito nulla. E d’un tratto mi sovvengono parole di vaste vertigini intorno al vuoto, il movimento di un oceano fermo intorno al buco del nulla, profondissima ansia quieta. 

L’attrazione verso il quadro-finestra è irresistibile, sono consapevole che se non interrompo il flusso che dai miei occhi si dirige verso le linee fitte, microscopiche (mi ricordano dei cromosomi esposti a disseccare davanti a Dio), mi ritroverò perduta per sempre, là dentro; dentro la mia stessa cavità cosciente di niente che si proietta in me da quel foro, senza più possibilità di svegliarmi o tornare alla realtà. 

Non so infine come abbia fatto ad evitare la caduta con irreversibile dissoluzione, sono pur sveglia e viva adesso, così pare. Credo che il sogno si sia interrotto senza un vero e proprio finale.

Cosa ci fosse nel quadro-finestra ancora non mi è chiaro. La morte forse, può essere composta di tali segni e di tale rumore che risucchia i pensieri fra i minuscoli spazi vuoti? Oppure era un vortice immobile di potenziali combinazioni cromosomiche di qualunque cosa? O un irresistibile baratro di caos, di resti atrofizzati della memoria, che non si possono leggere né ordinare ma solamente comprendere col risveglio dal sogno della vita?

Insomma, io quel luogo – quel suono – lo avevo dimenticato, ne avevo scordata la frequenza, finché non è sgusciata fuori di nuovo, nel tremore ronzante di un libro che cade e cade all’infinito. Forse era davvero una finestra, quel buco, sull’arnia gigantesca del 

[non so ancora qual è quest’ultima parola]


Racconti della Controra è disponibile:

PAYPAL

(14€, inserire indirizzo di spedizione nel corpo del messaggio)

oppure

 IBS      ||     Feltrinelli      ||      Amazon

41 risposte a “L’arnia gigantesca del

  1. i soggetti psichici non muoiono, si trasformano e riescono fuori in vesti impensabili, in momenti inopportuni o non preventivati.

    è il processo creativo, sa essere il senso estremo della vita

  2. Ciao, dopoaverti letta qui son venuta a trovarti su Wattpad, ti ho letta, votata e ti ho messo dei commenti. Io sono @Levanius su Wattpad. 😆

  3. Questo racconto mi ha fatto pensare al libro “Il mare senza stelle”, di Erin Morgenstern.
    “L’arnia gigantesca del”… surreale.

  4. Non riuscendo a pubblicare l’immagine ti inoltro il link.
    Il tuo racconto mi ha evocato una serie di immagini di spirali…..
    https://www.google.com/imgres?imgurl=x-raw-image%3A%2F%2F%2F00d2230e6e6dd8171710f2b718faa8c5e5f17ae2769fcd5bc4194e0399ba919a&imgrefurl=http%3A%2F%2Feiris.it%2Fquaderni-pubblicati%2F1-quaderno-1-rimini_con_copertina_corretto_con_isbn.pdf&tbnid=F9htbg4j0gCnlM&vet=10CDEQMyjEAmoXChMImJiS9buu8QIVAAAAAB0AAAAAEAQ..i&docid=qkvSgUR3izK2jM&w=1280&h=1111&q=immagini%20geometria%20di%20scuola%20media%20secondaria&hl=it&safe=off&ved=0CDEQMyjEAmoXChMImJiS9buu8QIVAAAAAB0AAAAAEAQ

  5. Ciao Rebecca, sono Marco Venezia del blog di Le Nostre Notizie. Ho letto i tuoi articoli e sono molto belli. Che ne diresti di aprire ad una collaborazione con noi? Fammi sapere 😊😊😘

Rispondi a Casalinga Sempre Felice Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...